Anna Spinato

Dove sono Veneto

Cosa faccio vini

Anna Spinato

Il patrimonio della tradizione, la forza dell’innovazione.

Era il 1952 quando Pietro Spinato capì le potenzialità enologiche di questa magnifica terra lambita dalle acque del fiume Piave e diede vita ai vini che oggi portano il nome della figlia: Anna Spinato. La storia di Anna Spinato inizia lì, al fianco del padre, conquistata dal fascino antico del lavoro e delle feste contadine, dalla magia del frutto che si trasforma in vino, dalle corse pazze a Venezia per consegnarlo nei Bacari. Ricordi felici che hanno alimentato la passione di Anna per la sua gente, il suo lavoro e i suoi clienti.
Ormai è finita l’epoca delle corse a Venezia ma il lavoro degli agricoltori rimane sempre lo stesso, i riti e le tradizioni agricole sono al sicuro e la cura per la vinificazione cresce ogni anno. Ma il più bello deve ancora venire perché la vita non si ferma e la storia si rinnova: oggi Anna è affiancata dal figlio Roberto che l’aiuta a creare packaging esclusivi, la supporta nell’arte di dominare le moderne tecnologie e le dà la carica per continuare ad affrontare la sfida di rivolgersi ai mercati di tutto il mondo.
Insieme hanno deciso di creare vini tipici del territorio come Valdobbiadene, Prosecco, Raboso e Malanotte, affiancandoli a vini da vitigni internazionali capaci di esprimere ed esaltare le caratteristiche uniche e irripetibili della terra del Piave. Una scelta precisa per raccontare l’amore per le tradizioni ma anche il desiderio di aprirsi alle opportunità del mondo.  È del 2012 la certificazione del primo vino biologico: l’inizio di un esaltante cammino che punta a prendersi cura del territorio e garantire benessere, salute e puro piacere ai consumatori.

Perché acquistare da noi
Solo il meglio
sulla tua tavola
La migliore selezione
enogastronomica italiana
 
Consegna veloce
reso gratuito
Spedizione espressa
reso entro 30 giorni
La tua
​sicurezza
Pagamenti certificati
da Banca Intesa Sanpaolo
Servizio clienti
dedicato
Numero verde
dal lunedì al venerdì